Questo sito impiega cookie come descritto nella informativa. Continuando la navigazione si esprime consenso a tale impiego

Zoom testo
top_12 top_01 top_02 top_03 top_04 top_05 top_06 top_07 top_08 top_09 top_10 top_11

tourist info

Anagrafe - Stato Civile - Elettorale

I Servizi demografici svolgono un servizio per conto dello Stato, il quale tramite l’Ufficio Territoriale del Governo, effettua i controlli e da direttive in merito.
Provvede :

  • alla tenuta e revisione dell’anagrafe della popolazione residente
  • al rilascio certificazioni, dichiarazioni ed  autenticazioni di firme e documenti
  • al rilascio carte d’identità
  • alle prenotazioni appuntamenti presso la Questura per rilascio passaporto,  pratiche per il rilascio del passaporto per i minori di anni 12 (da inoltrare alla Questura)
  • alla gestione dell’onomastica stradale, tenuta dello stradario comunale e attribuzione della numerazione civica agli edifici con la possibilità di provvedere alla pitturazione del numero civico
  • alla verifica dei permessi di soggiorno e delle dichiarazioni di dimora abituale per cittadini extracomunitari
  • alla tenuta e revisione dell’Anagrafe degli Italiani Residenti all’Estero
  • alla tenuta dei registri di stato civile per iscrizioni, trascrizioni e annotazioni di nascita, matrimonio, morte, cittadinanza e rilascio delle relativi certificazioni
  • alla gestione delle procedure di adozione, matrimonio e acquisizione della cittadinanza
  • alla tenuta ed aggiornamento liste di leva
  • alla redazione delle statistiche mensili ed annuali della popolazione residente e degli eventi di stato civile per l’Istat
  • alla produzione di statistiche varie
  • all'assistenza e coordinamento indagini Istat
  • all'autentica della firme
  • alla tenuta delle liste elettorali
  • al rilascio della tessera elettorale permanente e delle certificazioni elettorali
  • alla gestione dell’albo dei Presidenti di Seggio e degli Scrutatori
  • alla gestione della procedura preparatoria e dell’intero procedimento per lo svolgimento di elezioni e referendum, inclusa la gestione della commissione elettorale comunale e rendiconto finale
  • alla gestione delle attività necessarie per il funzionamento della commissione elettorale circondariale
  • alla tenuta dell’archivio dei fascicoli personali degli elettori
  • alla gestione dell’albo dei giudici popolari
  • all'aggiornamento delle patenti e libretti di circolazione in seguito a variazioni anagrafiche mediante collegamento telematico con la  Motorizzazione  Civile
  • alla gestione dell’Anagrafe nazionale della popolazione residente (ANPR) istituita presso il Ministero dell’Interno e che subentra all’I.N.A.
  • all'aggiornamento in tempo reale dei codici fiscali mediante SIATEL
  • all'autentica della firma sui passaggi di proprietà di beni mobili registrati
  • all'applicazione del D.L. n. 30 del 6 febbraio 2007 relativo ai compiti inerenti l’attuazione della direttiva 2004/38/CE del Parlamento Europeo relativamente al diritto dei cittadini dell’unione e dei loro familiari di circolare e di soggiornare liberamente nel territorio degli Stati membri
  • agli adempimenti ai sensi degli articoli n. 6 (convenzione di negoziazione assistita da un avvocato per le soluzioni consensuali di separazione personale, di cessazione degli effetti civili o di scioglimento del matrimonio, di modifica delle condizioni di separazione o di divorzio) e n. 12 ( separazione consensuale, richiesta congiunta di scioglimento o di cessazione degli effetti civili del matrimonio e modifica delle condizioni di separazione o di divorzio innanzi all’ufficiale di stato civile)  del decreto legge 12.09.2014 n.132 convertito con modificazioni, dalla legge 10.11.2014 n.162
  • agli adempimenti in seguito all’entrata in vigore in data 5 giugno 2016 della Legge 20 maggio 2016 n. 76 ( G.U . 21.5.2016 S.G.. n. 118)  riguardante la “ Regolamentazione delle unioni civili tra persone dello stesso sesso e disciplina delle convivenze“

 

RESPONSABILE Servizio Demografico - Cimiteriale:

ALESSANDRA DOVIER
PIANO TERRA – PIAZZA BIAGIO MARIN
tel. 0431 – 898220
fax 0431 - 898202
e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Apertura al pubblico: dal lunedì al sabato dalle 10.00 alle 12.00


TROIAN SIMONETTA
Ufficio Stato Civile – Ufficio Leva 
tel. 0431 – 898219
fax 0431 - 898202
e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Apertura al pubblico: dal lunedì al sabato dalle 10.00 alle 12.00


MARCHESAN PAOLO
Ufficio Anagrafe–  Ufficio Stranieri 
tel. 0431 – 898216
fax 0431 - 898202
e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Apertura al pubblico: dal lunedì al sabato dalle 10.00 alle 12.00


BERTONI ANNAMARIA
Elettorale – CIE
tel. 0431 – 898212-215
fax 0431 - 898202
e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Apertura al pubblico: dal lunedì al sabato dalle 10.00 alle 12.00


CUZZIOL ALCIDE
Coadiuvante Anagrafe – Leva , Addetto allo Sportello
tel. 0431 – 898218
fax 0431 - 898202
e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Apertura al pubblico: dal lunedì al sabato dalle 10.00 alle 12.00


BENUSSI LIVIO
Statistica, Elettorale, Anagrafe Canina
tel. 0431 – 898211-215
fax 0431 - 898202
e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. 

apertura al pubblico: dal lunedì al sabato dalle 10.00 alle 12.00


ISCRIZIONI-CANCELLAZIONI ANAGRAFICHE

Norme iscrizioni-cancellazioni anagrafiche

Dal 9 maggio 2012 cambiano le norme che regolano le iscrizioni e cancellazioni anagrafiche. I cittadini potranno presentare le dichiarazioni anagrafiche di residenza, di trasferimento all'estero e di variazione di indirizzo,  senza necessariamente recarsi allo sportello del comune, ma spedendole per posta a mezzo raccomandata oppure inviandole via fax o telematicamente.

Quest' ultima possibilità è consentita ad una delle seguenti condizioni:

a) che la dichiarazione sia sottoscritta con firma digitale;

b) che l'autore sia identificato dal sistema informatico con l'uso della Carta d'identità

elettronica, della carta nazionale dei servizi, o comunque con strumenti che consentano

l'individuazione del soggetto che effettua la dichiarazione;

c) che la dichiarazione sia trasmessa attraverso la casella di posta elettronica certificata del

dichiarante;

d) che la copia della dichiarazione recante la firma autografa e la copia del documento

d'identità del dichiarante siano acquisite mediante scanner e trasmesse tramite posta

elettronica semplice.

Ai sensi dell’art.5, c.3 del d.l. n.5/2012, l’Ufficiale d’Anagrafe, nei due giorni lavorativi successivi alla presentazione delle dichiarazioni di cui sopra, effettua le registrazioni delle dichiarazioni ricevute, fermo restando che gli effetti giuridici delle stesse decorrono dalla data di presentazione.

L’ufficio avrà comunque 45 giorni di tempo per accertare la sussistenza dei requisiti previsti per l'iscrizione, cancellazione o variazione di indirizzo decorsi i quali se non intervengono comunicazioni da parte dell’ufficiale d’anagrafe, verrà applicato il silenzio- assenso di cui all’art.20 della legge n.241/90 per  cui la dichiarazione si intende confermata.  In caso di dichiarazioni non corrispondenti al vero verranno applicati gli articoli 75 e 76 del D.P.R. n. 445/2000, i quali dispongono rispettivamente la decadenza dai benefici acquisiti per effetto della dichiarazione, nonché il rilievo penale della dichiarazione mendace.

Inoltrare le dichiarazioni a:

Comune di Grado
Ufficio Anagrafe
Piazza B. Marin n.4
34073 GRADO

FAX: 0431-898202

posta elettronica certificata: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

posta elettronica: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Abusivismo e residenza anagrafica: D.L. 28 marzo 2014, n. 47 art. 5

Il decreto legge 28 marzo 2014, n. 47, convertito nella legge 23 maggio 2014 n.80, all' art. 5 prevede che: "chiunque occupa abusivamente un immobile senza titolo non può richiedere la residenza, nè l'allacciamento a pubblici servizi in relazione all'immobile medesimo e gli atti emessi in violazione di tale divieto sono nulli a tutti gli effetti di legge"
Rilevato l'incidenza della norma sulla disciplina anagrafica ed in particolare sul procedimento di iscrizione anagrafica, il Ministero dell'Interno con Circ. 14/2014 della Direzione Centrale dei Servizi Demografici stabilisce che, in sede di dichiarazione anagrafica, debbano essere acquisite le informazioni relative al titolo di occupazione dell'immobile (proprietà, locazione od altro). Il nuovo modulo da utilizzare è il seguente: 

Separazioni e divorzi

 Dall’11 dicembre 2014 sono entrate in vigore le nuove modalità per la separazione dei coniugi, per il divorzio e per la modifica delle condizioni di separazione e di divorzio.

I coniugi che consensualmente intendono separarsi, divorziare o modificare le precedenti condizioni di separazione o divorzio possono:

  • avvalersi della procedura di negoziazione assistita, che consiste in un accordo con l’assistenza di almeno un legale per parte;
  • rivolgersi all’ufficiale dello stato civile ma solo nel caso in cui ricorrano determinate condizioni.

Entrambe le modalità sono equiparate ai provvedimenti giudiziali, escludendo quindi la necessità di rivolgersi al Tribunale.

Separazioni e divorzi davanti all’avvocato

Per le soluzioni consensuali i coniugi possono concludere l’accordo di negoziazione assistita da almeno un avvocato per parte.

La procedura prevede che l’accordo debba essere munito di nulla osta rilasciato dalla Procura della Repubblica in assenza di figli minori, figli maggiorenni incapaci o portatori di handicap grave o maggiorenni economicamente non autosufficienti o di un’autorizzazione rilasciata dalla Procura della Repubblica (previa valutazione dell’interesse dei figli) in presenza di figli minori, maggiorenni incapaci o portatori di handicap grave o maggiorenni economicamente non autosufficienti. Entrambi gli avvocati, una volta ottenuto il nulla osta o l’autorizzazione, dovranno trasmettere l’accordo tassativamente entro 10 giorni (che decorreranno dalla data di consegna/comunicazione del nulla osta/autorizzazione a cura della Procura della Repubblica) al comune di celebrazione del matrimonio in forma civile o in forma religiosa, o di trascrizione del matrimonio celebrato all’estero (da due cittadini italiani, o da un cittadino italiano e un cittadino straniero). Potrà essere inoltrato anche un unico accordo munito del nulla osta o autorizzazione da parte del P.M, a condizione che la nota di trasmissione sia sottoscritta da entrambi gli avvocati o che nella convenzione di negoziazione assistita sia esplicitato che un avvocato dia mandato all'altro avvocato affinché curi la trasmissione all'ufficiale di stato civile. L’accordo da inoltrare al Comune di Grado può essere inviato dall'avvocato, anche via PEC previa apposizione della  sua firma digitale.

Separazioni e divorzi davanti all’Ufficiale di Stato Civile

L’art. 12 della L. 162/2014 prevede, a decorrere dall’11/12/2014, la possibilità’ per i coniugi di comparire direttamente innanzi all’Ufficiale dello Stato Civile del Comune per concludere un accordo di separazione, di divorzio o di modifica delle precedenti condizioni di separazione o di divorzio. L’assistenza degli avvocati difensori è facoltativa. Per richiedere la separazione o il divorzio in Comune, con tale modalità’ semplificata, è necessario che entrambe le parti siano d’accordo e che non ci siano:

  • figli minori in comune;
  • figli maggiorenni incapaci o portatori di handicap grave ai sensi dell’articolo3, comma 3 della Legge104/1992;
  • figli maggiorenni economicamente non autosufficienti
  • accordi di trasferimento patrimoniale (es. uso della casaconiugale,)

E’ prevista invece, ai sensi della circolare del Ministero dell’Interno n.6 del 24 aprile 2015, la possibilità che i coniugi concordino tra loro l’assegnazione di un assegno di mantenimento. Il Comune non può accettare la domanda di separazione, divorzio o modifica delle condizioni di chi non si trova in queste situazioni, in tal caso i coniugi dovranno rivolgersi ad un avvocato. Se non c’è accordo tra le parti la competenza resta del Tribunale.

 Competente a ricevere l’accordo è l’Ufficiale dello Stato Civile del Comune di:

-        residenza di uno dei coniugi;

-        celebrazione del matrimonio in forma sia civile sia concordatario;

Sulla Gazzetta Ufficiale n. 107 dell’ 11 maggio 2015 è stata pubblicata inoltre la legge n.55 del 6 maggio 2015, recante “Disposizioni in materia di scioglimento o di cessazione degli effetti civili del matrimonio nonché di comunione tra i coniugi”, il c.d. “divorzio breve”.

La nuova norma, interviene direttamente sulla legge n. 898 del 1970 e prevede una consistente riduzione del tempo che deve passare fra la separazione e la richiesta per ottenere il divorzio: da tre anni a 6 mesi, se si tratta di una separazione consensuale. Se non c’è l’accordo delle parti sui termini della separazione, i tempi si allungano a 12 mesi (separazione giudiziale), indipendentemente dalla presenza o meno di figli.

La separazione decorre da quando si compare davanti al Presidente del Tribunale/Ufficiale dello stato civile e la norma anticipa anche il momento dello scioglimento della comunione dei beni tra i coniugi al momento in cui il Presidente autorizza i coniugi a vivere separati. Con la vecchia norma, invece, occorreva aspettare il passaggio in giudicato della sentenza di separazione.

La nuova disciplina si applica anche ai procedimenti attualmente in corso. L'ordinanza che autorizza i coniugi a vivere separati sarà comunicata all'ufficio dello stato civile per l'annotazione dello scioglimento della comunione sull'atto di matrimonio.

Normativa di riferimento

Legge n.55 del 6 maggio 2015, recante “disposizioni in materia di scioglimento o di cessazione degli effetti civili del matrimonio nonché di comunione tra i coniugi”,

Decreto legge n. 132/2014 convertito con legge 10 novembre 2014, n. 162 recante “ Misure urgenti di degiurisdizionalizzazione ed altri interventi per la definizione dell'arretrato in materia di processo civile”. (G.U. n. 261 del 10-11-2014 - Supp. Ordinario n. 84);

ITER

Rivolgersi all’Ufficiale dello Stato Civile del Comune per prenotare l’appuntamento con contestuale presentazione della dichiarazione sostitutiva di atto notorio e certificazione (vedi allegati) debitamente compilata.

Entrambi i coniugi dovranno presentarsi all'appuntamento con documento d’identità in corso di validità. Non è ammessa alcuna rappresentanza.

In tale sede verrà redatto l'accordo che sarà sottoscritto dalle parti e sarà fissato, dopo 30 giorni dalla firma dell'accordo, un nuovo appuntamento durante il quale i coniugi dovranno ripresentarsi per  confermare  o  meno  l'accordo  sottoscritto. Tale conferma è stata prevista per dare ai coniugi la possibilità di una maggiore riflessione sulle decisioni in questione.

La conferma dell'accordo farà decorrere gli effetti della separazione o divorzio dalla data della sua prima sottoscrizione. La mancata comparizione equivarrà alla mancata conferma dell’accordo.

Costo

Diritto fisso pari a € 16,00, con pagamento in contanti direttamente presso l’Ufficio dello Stato Civile del Comune.

Ufficio di riferimento:

SERVIZIO DEMOGRAFICO – CIMITERIALE UFFICIO DELLO STATO CIVILE

A chi rivolgersi: signore Simonetta Troian – Alessandra Dovier Ufficio:

Piazza B. Marin n.4

Tel. 0431 898219/220 – Fax 0431898202

Mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Orario:

10:00 -12:00 dal lunedì al sabato

CARTA D'IDENTITA' ELETTRONICA

Si rende noto che a partire dal 04/12/2017 anche il nostro comune sarà abilitato all'emissione della  carta d'identità elettronica (CIE).

Per saperne di più scaricare il seguente file:

UNIONI CIVILI E CONVIVENZE DI FATTO

Unioni civili e convivenze di fatto

In data 5 giugno 2016 è entrata in vigore  la Legge 20 maggio 2016 n. 76 ( G.U . 21.5.2016 S.G.. n. 118)  riguardante la “ Regolamentazione delle unioni civili tra persone dello stesso sesso e disciplina delle convivenze“.
In data 29 luglio  è entrato in vigore il decreto del Presidente del consiglio dei Ministri n. 144 del 23/07/2016 recante la disciplina transitoria relativa alle disposizioni previste dalla legge 76/2016 in attesa dei decreti  legislativi  che nei sei mesi successivi all’entrata in vigore della legge dovranno essere adottati dal Governo al fine di adeguare i testi di legge vigenti al nuovo istituto.

REGISTRO DELLE DISPOSIZIONI ANTICIPATE DI TRATTAMENTO (DAT)

Il Comune di Grado, recependo quanto prescritto dalla Legge n.291/2017 “Norme in materia di consenso informato e di disposizioni anticipate di trattamento”, con la finalità di promuovere la piena dignità ed il rispetto delle persone, anche nella fase terminale della vita umana, con deliberazione giuntale n. 155 del 26 luglio 2018, ha istituito  il Registro delle Disposizioni Anticipate di Trattamento (DAT). 

Qui di seguito la scheda informativa

ANAGRAFE CANINA

La L. R. 20/2012 (alla quale sono state recentemente apportate modifiche con la L. R. 5/2015 in vigore dal 2/4/2015) all'articolo 26 stabilisce l’obbligo di iscrizione del proprio cane nella banca dati regionale degli animali d’affezione da effettuarsi nel comune di residenza.

ALL'ISCRIZIONE SI DEVE PROVVEDERE, TRAMITE UN VETERINARIO CHE INOCULA IL MICROCHIP: (utilizzando il Modello 1):

  • entro il secondo mese (60 giorni) di vita dell’animale da parte del detentore del cane e/o della fattrice;
  • entro dieci giorni dalla data dell’acquisto o dell’inizio della detenzione per gli esemplari che non siano già registrati alla BDR (anagrafe animali d’affezione regionale) o che siano di provenienza estera. In ogni caso è obbligatoria la registrazione prima della cessione.

IL PROPRIETARIO O IL DETENTORE HA L'OBBLIGO DI DENUNCIARE AL COMUNE DI RESIDENZA (utilizzando il Modello 2):

  • lo smarrimento accidentale del cane, ENTRO 5 GIORNI;
  • la sottrazione del cane, allegando copia di denuncia all’autorità giudiziaria, ENTRO 10 GIORNI;
  • la cessione del cane, comunicando contestualmente le generalità e l’indirizzo del nuovo proprietario, ENTRO 10 GIORNI;
  • la variazione di residenza del detentore del cane, solo nel caso di provenienza da comune di regione diversa dal Friuli Venezia Giulia, ENTRO 30 GIORNI. (Per i cambi di residenza all’interno della Regione FVG il sistema recepisce le modiche alla residenza dichiarate all’Anagrafe della popolazione).
  • la morte del cane, allegando il certificato di un veterinario o quello del servizio pubblico o privato che ha curato il ritiro dell’animale, a meno che il veterinario libero professionista abilitato abbia provveduto alla registrazione del decesso per via telematica, ENTRO 30 GIORNI;
  • la comunicazione di cui all’art. 5 comma 2 della L. R. 20/2012, nel caso in cui il detentore, per seri e comprovati motivi, non possa più detenere il cane, ENTRO 10 GIORNI. 

RESPONSABILE  Servizio Demografico - Cimiteriale: ALESSANDRA DOVIER
PIANO TERRA – PIAZZA BIAGIO MARIN n. 4

 

BENUSSI LIVIO
Gestione anagrafe canina
tel. 0431 – 898211-220
fax 0431 - 898202
e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Apertura al pubblico: dal lunedì al sabato dalle 10.00 alle 12.00