Questo sito impiega cookie come descritto nella informativa. Continuando la navigazione si esprime consenso a tale impiego

Zoom testo
top_12 top_01 top_02 top_03 top_04 top_05 top_06 top_07 top_08 top_09 top_10 top_11

tourist info

In questi giorni sono giunte attraverso i vari canali (telefono, mail, internet, l'app comuni-chiamo, ecc.) numerose segnalazioni relative all'elevata quantità di zanzare in alcune zone del territorio. L'alevata presenza è dovuta a piogge che hanno provocato ristagni d'acqua che, seppur minimi e di breve durata, sono sufficienti a far proliferare le diverse specie di zanzare, tra cui in particolare la zanzara tigre. Il servizio manutenzioni e verde pubblico ha immediatamente preso provvedimenti intensificando l efrequenze dei trattamenti adulticidi nelle zone segnalate.

 Il Comune di Grado esegue direttamente con proprio personale e mezzi la lotta sia contro le larve che contro gli adulti  nelle aree pubbliche utilizzando metodi e prodotti a bassissimo impatto ambientale. Tutto il sistema di lotta utilizzato (prodotti utilizzati, metodi di applicazione, periodi ed orari di intervento) è stato pianificato da esperti del settore.

Nelle aree pubbliche il Servizio Manutenzioni del Comune interviene con trattamenti insetticidi contro le larve, prima dello sviluppo delle zanzare adulte. La frequenza dei trattamenti antilarvali e i siti trattati variano a seconda della specie di zanzara da combattere. In particolare:

• nei ca. 4.000 tombini pubblici si eseguono n. 5 turni di disinfestazione ogni 30 giorni da aprile a settembre;

• nelle aree soggette a sommersione periodica (fossati, bassure, canneti, aree incolte, ecc.) il numero di trattamenti viene in media fatto una decina di volte da marzo a settembre, in funzione dell’andamento delle piogge;

• in generale nelle aree pubbliche (es. cimiteri, parchi, ecc.) sono effettuati circa n. 10 turni complessivi nei mesi primaverile-estivi.

Nonostante la lotta antilarvale sia molto efficace, è impensabile credere che sia sufficiente ad eliminare definitivamente il problema. Le applicazioni di pastiglie antilarvali non riusciranno infatti mai a coprire tutti i siti di ovodeposizione delle zanzare, perchè non accessibili (es. proprietà private) o non facilemte raggiungibili (es. cavità degli alberi, ristagni in boscaglie, ecc.). I granuli antilarvali contengono come principio attivo un batterio che attacca le zanzare, il Bacillus thuringensis var. Israeliensis. Il nome commerciale del prodotto utilizzato è il Vectomax FG (informazioni tecniche qui: Vectomax FG ) . 

Le zanzare sono inoltre estremamente prolifiche ed in grado di compiere numerose generazioni nel corso di una stagione, per cui in estate, soprattutto in seguito a fenomeni meteorici, si possono verificare nuove infestazioni, per cui risulta indispensabile intervenire con prodotti adulticidi.

 I trattamenti contro le zanzare adulte sono limitati alle situazioni critiche di elevata infestazione, che si manifestano nel periodo estivo in seguito a periodi di piogge. Gi insetticidi impiegati sono derivati sintetici del piretro naturale scelti fra quelli a minor impatto ambientale, in particolare i principi attivi impiegati sono Tetrametrina e Cipermetrina.  I formulati commerciali attualmente utilizzati e regolarmente autorizzati per uso civile dal Ministero della Salute sono il Biotrin ed il Wacip 1000 (informazioni tecniche al link: biotrin  -  Wacip 1000).  Tutti i trattamenti adulticidi vengono effettuati con mezzo dotato di apposito atomizzatore nella fascia oraria dalle 3.00 alle 6.00 del mattino. 

Il Comune interviene in aree pubbliche inoltre ogni qualvolta pervengano dalla cittadinanza segnalazioni e richieste d’intervento.

Preventivamente ad ogni tipo di intervento il Comune provvede a dare adeguata informazione delle giornate e aree interessate, attraverso avvisi pubblici (affissione cartelli 48 ore prima)

Nella lotta contro le zanzara tigre e quella comune – che si sviluppano in piccole raccolte d’acqua situate anche nelle aree private – è essenziale la collaborazione e l’intervento dei cittadini, che sono invitati a seguire alcune semplici regole di comportamento, di seguito elencate:

• Svuotare sottovasi, secchi, bacinelle, ecc. almeno ogni settimana, dato che il ciclo uovo-zanzara adulto si completa in meno di dieci giorni

• Evitare la formazione di ristagni d’acqua, eliminando qualsiasi contenitore inutile

• Coprire accuratamente vasche e bidoni affinché le zanzare non possano deporvi le uova

• Controllare che le grondaie non siano intasate

• Trattare i tombini di raccolta dell’acqua piovana con un adatto insetticida acquistabile presso le farmacie o presso le “agrarie” e distribuito gratuitamente dal Comune.

• Introdurre nelle vasche chiuse pesci (anche pesci rossi) che si nutrono delle larve della zanzara.

 

Per maggiori notizie in merito alla lotta alla zanzara tigre:  REGIONE FVG - ZANZARA TIGRE