Questo sito impiega cookie come descritto nella informativa. Continuando la navigazione si esprime consenso a tale impiego

Zoom testo
top_12 top_01 top_02 top_03 top_04 top_05 top_06 top_07 top_08 top_09 top_10 top_11

tourist info

In primo piano

Di seguito tutte le informazioni utili per i fornitori relative alla fatturazione elettronica.

 

Il Decreto Ministeriale  n. 55 del 3 aprile 2013, entrato in vigore il 6 giugno 2013, ha fissato la decorrenza degli obblighi di utilizzo della fatturazione elettronica nei rapporti economici con la Pubblica Amministrazione ai sensi della Legge 244/2007, art.1, commi da 209 a 214.

 

In ottemperanza a tale disposizione, questa Amministrazione, a decorrere dal 31 Marzo 2015, non potrà più accettare fatture che non siano trasmesse in forma elettronica secondo il formato di cui all’allegato A “Formato della fattura elettronica” del citato DM n.55/2013.

Inoltre, trascorsi 3 mesi dalla suddetta data, questa Amministrazione non potrà procedere ad alcun pagamento, nemmeno parziale, sino alla ricezione della fattura in formato elettronico.

Per le finalità di cui sopra, l’articolo 3 comma 1 del citato DM n. 55/2013 prevede che l’Amministrazione individui i propri Uffici deputati alla ricezione delle fatture elettroniche inserendoli nell’Indice delle Pubbliche Amministrazioni (IPA), che provvede a rilasciare per ognuno di essi un Codice Univoco Ufficio secondo le modalità di cui all’allegato D “Codici Ufficio”.

Il Codice Univoco Ufficio è una informazione obbligatoria della fattura elettronica e rappresenta l’identificativo univoco che consente al Sistema di Interscambio (SdI), gestito dall’Agenzia delle entrate, di recapitare correttamente la fattura elettronica all’ufficio destinatario.

A completamento del quadro regolamentare, si segnala che l’allegato B “Regole tecniche” al citato DM 55/2013, contiene le modalità di emissione/trasmissione della fattura elettronica alla Pubblica amministrazione per mezzo dello SdI, mentre l’allegato C “Linee guida” del medesimo decreto, riguarda le operazioni per la gestione dell’intero processo di fatturazione.

Quanto sopra premesso, si indicano i riferimenti utili per la emissione delle fatture elettroniche relative alla prestazione affidatavi.

 

Denominazione Ente

COMUNE DI GRADO

Codice Unico Ufficio (INDICARE IL CODICE RELATIVO ALL’UFFICIO ORDINANTE DELLA SEGUENTE TABELLA):

 

UNITA' ORGANIZZATIVA

Codice Unico Ufficio

Servizio ambiente

EFHPSG

Servizio amministrativo-organizzazione-trasparenza-anticorruzione

OD1KHL

Servizio att. economiche - SUAP

MMSIC5

Casa di riposo Servizio socio assistenziale -

BZG3BI

Servizio cultura e sport

KHE3D7

Servizio demografico cimiteriale

I1XWZQ

Servizio sistemi informativi

NI4UZQ

Servizio lavori pubblici

8DFHR6

Servizio manutenzioni

G8UKUN

Servizio patrimonio

V4BUQB

Servizio gestione risorse umane

PUY3Q3

Protezione civile

TXBLZK

Servizio bilancio

8Z4GH9

Servizio scolastico educativo

WYAM38

Segreteria Sindaco

10WMAJ

Servizi sociali Servizio socio assistenziale

BUOCSF

Servizio tributi

7AAXAQ

Servizio urbanistica

JRE9VB

Servizio Urp-Turismo

HNH0I4

POLIZIA

ZPW2P6

 

Codice Ipa Ente c_e125

Nome dell’Ufficio (INDICARE LA DENOMINAZIONE RIPORTATA NELLA TABELLA SOPRASTANTE)

Regione dell’Ufficio FRIULI VENEZIA GIULIA

Provincia dell’Ufficio GO

Comune dell’Ufficio GRADO

Indirizzo dell’Ufficio PIAZZA BIAGIO MARIN N. 4

CAP dell’Ufficio 34073

 

I dati relativi ai codici univoci ufficio del Comune di Grado sono comunque reperibili al seguente indirizzo:

 http://www.indicepa.gov.it/ricerca/dettaglioservfe.php?cod_amm=c_e125

 AVVERTENZE:

SI PREGANO I FORNITORI DI NON UTILIZZARE IL CODICE UNIVOCO UFFICIO UFQPWZ Uff_e FatturaPA E DI SELEZIONARE SEMPRE IL CODICE DELL’UFFICIO DA CUI PROVIENE L’ORDINE.

Si precisa  come, a norma dell'articolo 25, comma 3, del decreto legge n. 66/2014, il Comune non possa procedere al pagamento di fatture che non riportino i codici CIG (codice identificativo gara) e CUP (codice unico progetto), qualora obbligatori.

Si ricorda altresì di indicare sempre nella fattura elettronica il numero di impegno di spesa, comunicato nell'ordine, ai sensi dell'articolo 191 comma 1, 2° periodo, del decreto legislativo n. 267/2000.

 

 Per eventuali chiarimenti si invita a mandare una e-mail a : Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. oppure a contattare telefonicamente l'Ufficio che ha effettuato l'ordine.